Bruxismo, usura e riabilitazioni dentarie

Ricostruzione denti consumati, riabilitazioni dentarie Studio Dentistico Bianchini Rimini

Diverse sono le cause dell’usura dentaria, patologia oggi sempre più diffusa. Si va dal bruxismo (serramento e sfregamento dei denti fra loro), a cause esterne come quelle legate all’assunzione abituale e frequente di alimenti acidi (succo di limone, Coca Cola,…), a quelle endogene (reflusso gastro esofageo, vomito, bulimia…) o a un malposizionamento dentario con conseguente traumatismo occlusale, spesso dovuto alla perdita di alcuni denti posteriori non rimpiazzati, che ha determinato un avanzamento della mandibola, provocando contatti anomali “testa a testa” sui denti anteriori che pian piano si consumano.

Qualsiasi sia la causa, il risultato è che poco alla volta i denti pian piano si abradono con conseguente perdita della loro altezza (dimensione verticale) con avvicinamento delle ossa mascellari tra loro che spesso determina un collasso dei tessuti molli delle guance, del sotto naso e del mento, con comparsa di rughe nella regione periorale provocando un poco gradevole aspetto vecchieggiante del viso del paziente. A volte questa usura è così marcata da far sembrare addirittura che la persona sia completamente senza denti davanti, creando disagio e imbarazzati sorrisi antiestetici.

Queste abrasioni così importanti possono a volte determinare un marcato aumento della sensibilità, quando le erosioni si estendono fin vicino al nervo causando dolore agli stimoli termici e disagio masticatorio, aiutando il paziente a rendersi conto della grave situazione che si sta determinando. Più spesso invece il nervo, attraverso un meccanismo di difesa si retrae e il paziente è completamente asintomatico. Questo fa si che non si accorga del danno che pian piano avanza, prendendone piena coscienza solo quando i denti sono ormai molto consumati. In altre situazioni la dentina esposta a causa dell’abrasione, va incontro a carie con distruzione massiva del dente fino all’interno della radice, rendendo il dente non più recuperabile. Appare pertanto chiaro che di fronte a situazioni di usura marcata – qualsiasi ne sia la causa – è necessario intervenire più precocemente possibile, al fine di limitare i danni e recuperare i denti prima che sia troppo tardi.

Il primo passo da fare è quello di cercare di capire le cause dell’usura, per eliminarle o ridurle al minimo, anche con l’uso di terapie appropriate.

Se le abrasioni sono ancora allo stato iniziale e non molto profonde, può essere costruito un bite che è una placca di resina trasparente su misura, eseguita dopo aver preso le impronte delle arcate dentarie e che viene interposta tra i denti, solitamente di notte quando si dorme (ma potendo anche di giorno).

Ha lo scopo di evitare lo sfregamento dei denti tra loro riducendone così l’abrasione e anche di alleviare sensibilmente la contrazione dei muscoli masticatori riducendo il serramento. E’ chiaro che questo sistema, per quanto valido, non risolve il problema, ma ne riduce solo gli effetti ritardando la progressione dell’usura ed è consigliato solo nelle abrasioni superficiali, quando i denti sono ancora abbastanza integri e non sono indicate terapie più complesse.

Quando invece ci troviamo di fronte a delle usure più importanti che interessano la maggior parte delle corone dei denti, è necessario provvedere con tempestività a una riabilitazione dell’anatomia occlusale delle arcate dentarie tramite dei rialzi di masticazione che oggi, grazie alle riabilitazioni adesive, trova soluzioni molto più conservative di un tempo tramite l’utilizzo di intarsi e faccette in materiali estetici che hanno lo scopo di ripristinare ciò che dei denti è andato perduto nel corso degli anni. Queste nuove metodiche sono delle vere rivoluzioni nella moderna odontoiatria, impensabili fino a pochi anni orsono, perché permettono di ripristinare una buona funzione e una bella estetica in modo molto conservativo, economicamente meno dispendioso e minimamente traumatico. Questo, come già ricordato sopra, sempre a condizione di intervenire per tempo e non quando dei propri denti rimane solo… la radice! In questi casi, ancora più severi e complessi, sarà necessario affidarsi alle tecniche ricostruttive della protesi fissa tradizionale, perdendo i benefici di una terapia più conservativa, meno invasiva e anche più economica…

Di seguito qualche esempio di caso clinico di grave usura:

Scarica e stampa il consenso informato:

 

Chiamaci tel. 0541 770145
 
Chiamaci tel. 331 5758095
 

Contattaci