Covid-19 e sicurezza

COVID-19 e sicurezza nello studio odontoiatrico

In questi giorni di chiusura abbiamo lavorato per rivedere i protocolli e le misure di sicurezza all’interno dello studio. Eccole in anteprima per voi, buona visione!
Un caro saluto a tutti in attesa di reincontrarci!

Lo Staff dello studio

 

NFX Dentale aspiratore per aerosol per studi dentistici

L’aspirazione degli aereosol e del particolato nelle procedure odontoiatriche

 

Odontoiatria Hygienio

Il sanificatore ambientale adottato nello studio, una valida protezione per tutti

 

Protocolli di sicurezza a seguito dell’infezione da Coronavirus (istruzioni per i pazienti)

Le seguenti procedure sono state adottate per migliorare la sicurezza del luogo di cura e ridurre i rischi di contagio. Vi preghiamo di prenderne visione e di osservarle con attenzione per la sicurezza di tutti.

 

TRIAGE TELEFONICO
Al momento del colloquio telefonico per fissare l’appuntamento, e/o quando vi chiameremo per ricordare lo stesso IL GIORNO PRIMA, il personale vi farà alcune domande sulle vostre condizioni di salute.
In particolare vi chiederà se:

– avete recentemente fatto dei viaggi in zone endemiche per il Coronavirus o se avete frequentato negli ultimi 14 giorni persone che sono state in quei luoghi o sono in quarantena per sospetto contagio

– se avete ora o avete avuto negli ultimi 14 giorni febbricola, tosse, mal di gola, disturbi addominali (diarrea), dolori muscolari e alle ossa, congiuntivite o qualcuno dei vostri familiari conviventi o persone che avete frequentato (ad. es. sul luogo di lavoro,…) presenta tali sintomi o non sta bene.

In caso di risposta affermativa anche ad una sola di queste domande, l’appuntamento dovrà essere rimandato, per la vostra, la nostra e la sicurezza di tutti. È bene non minimizzare alcun sintomo. Se possibile, onde evitare di fare un giro a vuoto, avvertiteci telefonicamente prima di venire in studio se è comparso qualche sintomo di quelli sopra riportati nel tempo intercorso fra la nostra telefonata e il giorno dell’appuntamento.

 

TRIAGE IN STUDIO
Tale anamnesi vi verrà nuovamente richiesta al momento del vostro arrivo nello studio e le risposte verranno sottoscritte su un apposito modulo in formato cartaceo o elettronico che confermi quanto da voi comunicato al telefono. Vi ricordiamo che secondo le norme attuali, voi dovreste arrivare in studio indossando già una mascherina protettiva di tipo chirurgico.
Appena arriverete in studio verrà chiesto sia a voi che ai vostri accompagnatori di disinfettarvi le mani con un gel o con una soluzione alcoolica e -se non l’avete già- di indossare una mascherina monouso che vi verrà fornita dal personale. Vi verrà chiesto anche di indossare un paio di guanti e vi verrà misurata la temperatura con un Termoscanner. La temperatura dovrà essere non superiore ai 37,5°C (anche per l’accompagnatore). Se così non fosse, l’appuntamento dovrà essere rimandato. Prima di entrare nelle sale operative vi verrà chiesto anche di indossare dei copriscarpe che vi forniremo.

 

SALA DI ATTESA ED ISTRUZIONI PER GLI ACCOMPAGNATORI
Dalla sala d’aspetto sono state rimosse tutte le riviste, i giochi per i bambini e ogni cosa che possa essere toccata da più persone. Ci scusiamo per l’inconveniente. In sala d’attesa non possono soggiornare contemporaneamente più di quattro persone che dovranno mantenere fra loro la distanza di sicurezza di almeno un metro. In caso di eccesso di presenze, gli ultimi arrivati dovranno attendere fuori, all’aperto, sulla pensilina antistante la porta dello studio o nel giardino.
Gli ombrelli, i cappotti e ogni altro capo di abbigliamento ingombrante dovrà rimanere in sala d’attesa e non dovrà essere portato nelle sale di lavoro. Vi preghiamo di togliere dalle tasche gli oggetti di valore che rimarrebbero incustoditi e dei quali non rispondiamo.
I telefoni cellulari, i tablet e ogni altro device può essere portato nelle sale operative solo in tasca o nelle borsette e dovranno essere spenti prima di entrare nell’area clinica. Per nessun motivo si potrà utilizzare il telefono all’interno degli ambulatori a causa dell’elevata carica microbica presente su ognuno di essi. Il paziente non dovrà appoggiare nulla sui piani di lavoro delle sale operative per non contaminarli. Le assistenti indicheranno dove poter appoggiare eventuali oggetti.
Gli accompagnatori NON potranno entrare nell’area clinica, né soggiornare a lungo in sala d’attesa. Pertanto si consigliano gli accompagnatori di recarsi fuori dallo studio e di tornare a prendere il paziente all’orario di fine appuntamento che verrà comunicato dal personale. In alternativa, gli accompagnatori sono pregati di attendere all’aperto (in giardino) la conclusione della seduta, soprattutto se in sala d’attesa sono presenti altri pazienti. A ciò fanno eccezione solo uno dei genitori o accompagnatori di bambini piccoli (al di sotto degli 8 anni di età) che potrà entrare nell’ambulatorio previo assenso da parte del dentista.

 

DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) PER I PAZIENTI
Non sappiamo ancora se la normativa richiederà che anche i pazienti debbano essere vestiti con camice monouso e copricapo. Probabilmente dipenderà dal tipo di prestazione che dovranno eseguire (se con lo sviluppo di aerosol o se senza, come ad esempio le visite, i controlli ortodontici, gli esami radiografici,…). Al riguardo, ci comporteremo secondo quanto verrà indicato dalle competenti autorità sanitarie. Alla fine della seduta tutti i dispositivi di protezione forniti, tranne i guanti e la mascherina, verranno tolti e gettati in appositi contenitori. Non è possibile per nessun motivo portare a casa tali presidi di protezione individuale che devono essere smaltiti secondo le disposizioni di legge. Per quanto riguarda la mascherina, il paziente la toglierà solo durante l’esecuzione delle terapie e la indosserà nuovamente al termine delle cure, durante l’espletamento delle pratiche amministrative.

 

ATTREZZATURE UTILIZZATE PER LA SANIFICAZIONE AMBIENTALE
Pur non essendo obbligatorie per legge, lo studio ha deciso ugualmente di dotarsi -per elevare al massimo la sicurezza degli ambienti di lavoro- di due importanti strumentazioni. Si tratta di uno schermo aspiratore trasparente ad alta potenza (con aspirazione di 350m3 di aria all’ora e filtro HEPA H14) (vedi video) che viene interposto fra il paziente e l’operatore in grado di risucchiare tutti gli aerosol, le goccioline di saliva, gli schizzi e le particelle anche di volume infinitesimale che possono svilupparsi con l’utilizzo degli ultrasuoni (sedute d’igiene) e dei sistemi rotanti o di sabbiatura che vengono impiegati durante le terapie e che diversamente andrebbero a depositarsi nell’ambiente. Il secondo dispositivo è un sanificatore ambientale (vedi video) analogo a quelli che vengono utilizzati nei reparti di malattie infettive e anche all’interno delle ambulanze, che permette di sanificare e disinfettare nel giro di pochi minuti tutti gli ambienti dell’ambulatorio e in particolare gli studi operativi a livello di pavimenti, piani di lavoro, riuniti (poltrona odontoiatrica e relativa strumentazione non rimovibile), sgabelli, pareti, tendaggi, vetri, porte, suppellettili, filtri dei condizionatori, aria ambientale e ogni oggetto presente nella stanza in qualsiasi posizione si trovi. Utilizzando questi dispositivi crediamo davvero di rendere un buon servizio di prevenzione a noi stessi e a tutti i pazienti che frequentano lo studio, alzando di molto l’asticella della sicurezza ambientale.

 

SEGRETERIA E AMMINISTRAZIONE
Durante tutte le attività di segreteria (prendere appuntamenti, eseguire pagamenti, valutazione dei preventivi e colloqui con la segretaria, le assistenti o i medici), il paziente dovrà indossare la mascherina, i guanti e mantenere la distanza di sicurezza fra le persone di almeno un metro. Sono consigliati i pagamenti digitali (Bancomat, Carte di Credito con la modalità contactless o Bonifici bancari, questi ultimi solo previo accordo preliminare con il dentista o la segretaria). La mascherina verrà gettata via nell’apposito contenitore al momento dell’uscita dall’ambulatorio.

 

AERAZIONE DEI LOCALI
Tutti gli ambienti dello studio, compresa la sala d’aspetto, dovranno essere areati spesso e a lungo. Pertanto sarà difficile poter mantenere una temperatura confortevole (caldo in inverno e fresco in estate) all’interno dell’ambulatorio. Ci scusiamo per il disagio che non dipende da noi e vi invitiamo ad indossare un abbigliamento adeguato alla stagione e alle condizioni ambientali.

 

DISTANZIAMENTO DEGLI APPUNTAMENTI
A causa dell’osservanza di quanto sopra, lo studio dovrà necessariamente ridurre il numero di appuntamenti giornalieri, sia per evitare assembramenti di persone nella sala d’attesa e negli ambienti operativi, sia per il maggior tempo richiesto per espletare le manovre di vestizione/svestizione dei pazienti e degli operatori, sia per il tempo necessario per eseguire con rigore e scrupolo le procedure di disinfezione, sanificazione degli ambienti, dei piani di lavoro e degli strumenti, per applicare le pellicole e i dispositivi monouso e per areare i locali. Ciò comporterà ancor più di prima la necessità da parte dei pazienti di rispettare scrupolosamente la puntualità degli appuntamenti fissati e di evitare al massimo la cancellazione o lo spostamento degli stessi a causa della difficoltà di poterli poi recuperare. Si confida a questo riguardo nella correttezza di tutti.

 

COSTI FISSI DI STUDIO
Tocchiamo da ultimo anche questo tasto dolente, consci che le cure odontoiatriche sono già assai costose. Faremo di tutto per cercare di mantenere i prezzi delle cure il più contenuti possibile rispetto alle tariffe pre-COVID, ma questo non può essere fatto a scapito della sicurezza nostra e dei nostri pazienti. È indubbio che un rincaro delle prestazioni dovrà necessariamente esserci a fronte di una serie di motivi che vi elenchiamo: aumento dei tempi operativi (si stima che in un giorno di lavoro si potranno fare solo il 50-60% delle prestazioni rispetto a quelle che si eseguivano prima), aumento delle spese fisse di studio (soprattutto per il personale che è chiamato ad un superlavoro di igienizzazione che richiede molto più tempo di prima), aumento importante delle spese per il materiale di protezione individuale (DPI) sia per gli operatori che per i pazienti (dispositivi che al momento in cui scriviamo sono difficili da trovare e di cui ad oggi è decuplicato di prezzo !), aumento della spesa per la raccolta dei rifiuti speciali prodotti e per la sanificazione ambientale con i relativi macchinari e prodotti dedicati.
Per tutti questi motivi, vi invitiamo a riconoscere il valore di un lavoro svolto in sicurezza e in coscienza, applicando tutte le procedure richieste e ricordando che ogni prestazione medica rappresenta solo l’ultimo anello di una catena organizzativa di un intero team che coinvolge molte professionalità che insieme vanno ben oltre alla semplice esecuzione di un atto tecnico.
Vi ringraziamo fin d’ora per la comprensione e la collaborazione nel recepimento e nell’osservanza di quanto sopra.
Lo staff dello studio

Aggiornato al 4/5/2020