Implantologia

Impianti dentali Rimini, Studio Dentistico Bianchini

L’implantologia ha l’obbiettivo di rimpiazzare le radici dentali andate perdute tramite l’inserzione nell’osso del paziente di impianti (che fungono da radici artificiali) per poi ricostruire su di essi delle protesi fisse o rimovibili.

Con l’avvento dei nuovi materiali in titanio puro, l’implantologia ha debellato per sempre il problema del “rigetto” ed è diventata una branca dell’odontoiatria assolutamente affidabile e sicura (la percentuale di successo di integrazione degli impianti dentari utilizzati nel nostro studio si aggira attorno al 98%!).

Gli impianti, oltre a permettere di ricostruire i denti ormai andati perduti, hanno un valore aggiunto perché consentono anche di conservare integra la dentatura ancora presente in bocca che in passato doveva essere “limata” per poter agganciare ad essa delle protesi fisse tradizionali.

La moderna implantologia ha determinato una vera e propria rivoluzione nella pianificazione dei piani di trattamento odontoiatrici rendendo possibile il rimpiazzo dei denti andati perduti con denti fissi ed eseteticamente gradevoli senza toccare i denti vicini, cosa impensabile fino a non molti anno orsono. E’ bello poter ricostruire nuovi denti laddove non ci sono più, con interventi nella maggior parte dei casi poco invasivi e con pochissimo disagio post operatorio.

Il trattamento implantologico necessita di un accurato studio preventivo tramite esami Rx (endorali, panoramiche  e TAC quando necessario) per valutare la fattibilità del caso, indagando se è presente una sufficiente quantità e qualità di osso lì dove dovranno essere inseriti gli impianti, nonché un’accurata pianificazione del lavoro protesico che va effettuata prima di posizionare gli impianti (implantologia protesicamente guidata).

In una situazione di sufficiente presenza di osso, l’intervento di inserzione degli impianti è effettuato in modo molto delicato e conservativo, tramite l’esecuzione di una piccola dose di anestesia locale (uguale a quella che si utilizza per la cura di una carie), in modo assolutamente indolore e con un post-operatorio eccellente (con pochissimo fastidio). In caso invece di insufficiente volume osseo, sarà necessario provvedere ad una sua ricostruzione, con un allungamento dei tempi di lavoro e una chirurgia un po’ più impegnativa che a volte può essere eseguita in più riprese.

Il risultato finale è spesso entusiasmante, soprattutto per quei pazienti che hanno perso tutti o quasi tutti i loro denti e che nel giro di non molto tempo dimenticano il disagio delle dentiere e tornano a mangiare come una volta – con denti fissi e stabili – e a sorridere senza la preoccupazione di un possibile distacco o movimento anomalo delle loro vecchie protesi mobili…

E’ di fondamentale importanza mantenere gli impianti ben puliti per evitare che nel tempo placca e tartaro ne possano compromettere la salute. Per questo è buona norma che i portatori di protesi su impianti, oltre ad eseguire un’accurata igiene orale domiciliare, effettuino almeno due sedute all’anno d’igiene orale professionale in studio e periodiche visite dal dentista con esami radiografici di controllo. E’ esclusiva responsabilità del paziente attenersi a queste indicazioni, senza l’osservanza delle quali è più probabile che nel tempo gli impianti possano ammalarsi, così come accade analogamente con i denti naturali.

 

Scarica e stampa il consenso informato:

 

Chiamaci tel. 0541 770145
 
Chiamaci tel. 331 5758095
 

Contattaci